Quanto allenarsi

Scritto da Jolly Lamberti il 04-06-2010 in Allenamento

Che il troppo e il troppo poco non vadano bene, non siano performanti e creino dei problemi per tutte le cose della vita, lo aveva capito già Aristotele molto tempo fa. Il Problema è che questo " giusto mezzo" è un concetto del tutto relativo, e quello che va bene per me, può essere troppo per un altro.
Bisogna trovare per ciascuno di noi il massimo, tale che non rechi danno. Questo limite è, appunto, La Soglia.

Il massimo carico di allenamento tale che non crei sovrallenamento. Il massimo numero di esercizi allenanti tali che non creino lesioni ed infiammazioni. Il massimo dimagrimento tale che non ci porti alla debolezza e denutrizione. Il massimo grado di attivazione psichica, mentre si esegue una performance, tale che non si tramuti in ansia. Il massimo riscaldamento possibile, tale che non si tramuti in affaticamento. La massima intensità possibile, mentre eseguo un esercizio, tale che riesca a farlo correttamente…eccetera.
Questa idea del “giusto mezzo”, bella quanto inutile perché priva di un riferimento concreto, di una scala e due estremi fissati onde calcolarne il centro, venne elegantemente rappresentata, molti secoli dopo Aristotele, da Gauss con la sua famosa curva di distribuzione delle probabilità.
IL massimo è, appunto, a metà; se si oltrepassa quella soglia, si decresce fino a tornare a zero: Se non mangio sono zero se mangio troppo sarò zero, se non sono attivato e dormo in piedi sono zero se sono troppo attivato e mi paralizza l’ansia torno a zero.
(ovviamente non è sempre una Gaussiana a rappresentare il rapporto tra il troppo e il troppo poco.. se arrivo al carico di rottura del tendine, per esempio, e lo oltrepasso, dalla prestazione massima andrò a zero senza la splendida simmetria della curva di Gauss). Devo essere capace dunque di scalare la curva di Gauss fino in cima, affacciarmi sul baratro che da lí si intravede… e sapermi fermare.

Abbiamo detto che il miglior carico di lavoro è il massimo carico di lavoro che non provochi sovrallenamento. Questa soglia evidentemente varia da persona a persona: per qualcuno due sedute a settimana di due ore sono già il limite massimo oltre il quale si vedrebbe decrescere la propria prestazione, per un altro tale quantità di lavoro non sarebbe neanche sufficiente a mantenere il livello acquisito. Ora si è visto che nella maggior parte dei casi, ad una soglia alta ( possibilità di fare grossi carichi di lavoro) si associa più facilmente una alta potenzialità di prestazione ( chi è in grado di sopportare elevati carichi di allenamento senza entrare in crisi ha la possibilità di divenire più forte ). In parte questa soglia è scritta già nel DNA . Ci sono persone che “di costituzione” riescono a sopportare meglio grossi carichi di lavoro. In parte però è innalzabile con l’allenamento. E’ soprattutto su questo-sull’innalzare oltre natura questa soglia di allenabilità- che agisce il Doping portando però con se danni enormi, fisici e morali.
Esiste dunque un allenamento all’allenamento: allenare l’allenabilità oltrepassando varie volte, poco per volta, quella soglia, e vedendo sicuramente nel breve e medio periodo decrescere la prestazione, sperando però nel lungo termine di ritrovarsi innalzata la capacità di allenarsi tanto. Tutti noi della vecchia generazione, che abbiamo speso tanto tempo in allenamenti voluminosi e sbagliati passando ore su infinite serie di trazioni e decine di ripetute sulle vie dure, se allora non ne raccoglievamo i frutti, abbiamo adesso, probabilmente, questa soglia spostata un po’ più in avanti. Un allenamento giusto è un allenamento che ci fa essere in forma quando lo vogliamo noi, ma non è detto che un allenamento sbagliato prima o poi non ripaghi comunque.

Tratto da " Jollypopwer" metodi di allenameto fisico e mentale per la scalata. Edizioni Versante Sud

Commenti degli utenti

Per inserire un commento devi registrarti sul sito.